Il blog notes di Farfalla Legger@

Una sorta di raccoglitore di appunti di vita, di libri, di arte e altro 🤗.

Archivio tag per ‘Rivista Ottocento’

La riscoperta dell’icona in Russia

Nell’imperiale cittĂ  di Mosca e in tutte le cittĂ  per volere imperiale al Metropolita, all’arcivescovo e al vescovo spetta di vigilare sulle svariate funzioni ecclesiastiche. Specie sulle sacre icone e sui pittori d’icone… Su come essi debbano vivere e aver cura della pittura della sembianza carnale del Signore Iddio e Salvatore nostro, GesĂą Cristo e della Madre Purissima e delle potenze celesti e di tutti i santi che nei secoli […]

Continua a leggere →

La macchina fotografica

Sono quattro i nomi storici legati alla fotografia: Talbot, Niepce, Nadar, e soprattutto Daguerre. Grazie a loro il concetto, la valenza e la possibilitĂ  di raffigurazione assunsero un nuovo significato nel disancorare l’immagine dal mondo pittorico in cui da sempre era stata relegata, rendendola capace di realizzare una forma di comunicazione fino a quel momento impensata. Contrariamente a quanto si è portati a credere, il principio di azione fotochimica della […]

Continua a leggere →

La macchina cardatrice

Nel corso del XVIII secolo, l’etĂ  dell’illuminismo, l’affermarsi del pensiero illuminista e delle grandi scoperte scientifiche costituì la premessa di quel grande processo di sviluppo economico che l’Europa avrebbe realizzato durante l’Ottocento. Tale straordinario impulso fu, infatti, prodromico all’avvento di un’era di transizione che avrebbe sostanzialmente mutato i tradizionali equilibri produttivi del mondo occidentale ed europeo in particolare, da una struttura sostanzialmente poggiante sull’agricoltura, avrebbe ben presto assistito alla trasformazione  […]

Continua a leggere →

Auguste Rodin e Camille Claudel.

Un uomo di quarantrè anni, barbuto, distinto, all’inizio della stagione d’oro della sua carriera. Una donna, diciannove anni appena, minuta e fragile, ma con l’ardire e la testardaggine di voler diventare un’artista. Due personaggi diversi, che avrebbero potuto condurre ciascuno la propria vita serena senza sapere l’uno dell’altra, ma che un destino perverso ha unito in un’incredibile storia d’amore, odio e follia. Era il 1883 quando l’improvvisa partenza per Roma […]

Continua a leggere →

Jean Francois Champollion

L’enfant prodige che decifrò i geroglifici. Figlio di un modesto editore-librario, Jean Francois Champollion apparve sulla scena della vita, nel 1790 a Figeac, nel dipartimento di Lot. Sin da piccolo, il futuro archeologo, manifestò una particolare inclinazione per le lingue antiche, una precoce attitudine, che però il padre, tipografo senza portafoglio, non era in grado di coltivare. A mantenerlo negli studi, ad accompagnarlo sui sentieri della scrittura ideografica, ci pensò […]

Continua a leggere →