Il mio blog notes

Una sorta di raccoglitore di appunti di vita, di libri, di arte e altro, secondo il personale gusto della curatrice 🤗🤗🤗🤗.

L’uomo e la donna

L’uomo è la più elevata delle creature. La donna è il più sublime degli ideali. Dio fece per l’uomo un trono, per la donna un altare. Il trono esalta, l’altare santifica…. L’uomo è il cervello. La donna il cuore. Il cervello fabbrica luce, il cuore produce amore. La luce feconda, l’amore resuscita. L’uomo è forte per la ragione. La donna è invincibile per le lacrime. La ragione convince, le lacrime […]

Continua a leggere →

Elisa Agnini

Nel 1896 nasceva a Roma l’Associazione per la Donna, ad opera di alcune giovani signore, tra cui Giacinta Martini, Alina Albani, Virginia Nathan ed Elisa Agnini. Era una delle prime del genere in Italia e raccoglieva le esponenti più vivaci ed attive del nascente movimento femminista romano, la cui storia è stata ultimamente ampliata ed arricchita grazie al ritrovamento delle carte di Elisa Agnini. rimaste sino a poco tempo fa […]

Continua a leggere →

Ebba Witt-Brattström

“Nella nostra storia ci sono donne geniali che in diversi periodi storici hanno avuto un grande valore simbolico per il movimento femminile, il loro pensiero e le loro opere hanno aiutato il radicamento del concetto di uguaglianza di genere in Svezia”. Ebba Witt-Brattström, femminista e storica dei movimenti delle donne, illustra un lungo cammino che prese avvio… con Santa Brigida, “la prima donna simbolo svedese, oggi uno dei patroni d’Europa, […]

Continua a leggere →

Pensiero su immagine

Su Facebook, ogni tanto trovo immagini con su frasi che mi piacciono. Ho deciso di copiarle e riportarle qui. Questa è una di quelle. Non so se è stata pronunciata da Frida Kahlo ma, comunque sia, è molto significativa…almeno per me. Mi fa venire in mente il pensiero di Enzo Bianchi nel suo libro L’altro siamo noi: “La distanza che ci separa dallo straniero è quella stessa che ci separa […]

Continua a leggere →

XXI secolo di Paolo Zardi

Anche se non ancora a metà, il ventunesimo secolo era già candidato a diventare il secolo più merdoso della storia. Nessuno ricordava come era cominciato il declino. Qualcosa, all’improvviso, s’era rotto. Ognuno aveva continuato a fare quello che aveva sempre fatto, ma a un certo punto non era più bastato. Avevano lottato con coraggio; poi avevano ceduto ad una disperazione composta; infine era calata una tristezza immanente, irrimediabile. Per millenni […]

Continua a leggere →