Il mio blog notes

Una sorta di raccoglitore di appunti di vita, di libri, di arte e altro, secondo il personale gusto della curatrice 🤗🤗🤗🤗.

L’Annunciata di Antonello da Messina

L'Annunciata di Antonello da Messina

L’annunciata di Antonello da Messina potrebbe essere, come il soggetto indica e come è avvenuto per altre sue opere, uno dei due scomparti di un’opera più ampia, in questo caso un’Annunciazione: di qua l’annunciata, di là l’angelo annunciante. Si chiama Annunciata, e da sola, e in  tal senso è assoluta, condividendo lo stesso segreto della Dama dell’ermellino: implicare l’altro.
La forza della Dama dell’ermellino, rispetto alla GiocondaLa Gioconda di Leonardo (che è un pò facile, sta con tutti e guarda tutti, ed è la ragione del suo fascino straordinario), è che la figura ritratta – Cecilia Gallerani – ignora chi ha di fronte: guarda di lato e guarda uno solo, ossia  Ludovico il Moro, a lei destinato. Il suo uomo è dentro di lei, e lei è parte sua. E noi, nel guardarla, sentiamo anche l’altro. È il segno più alto di una indicazione di totalità, di fedeltà per un uomo, che in quest’opera si vede proprio perché ne siamo esclusi: la vediamo mentre lei sembra discorrere con un altro.
Mentre La Dama dell’ermellinoLa Dama con l'Ermellino di Leonardo, pur stando da sola senza bisogno del compagno, al compagno sembra rivolgersi; l’Annunciata di Antonello ha lo sguardo che viene verso di noi per poi arrestarsi come per un ripensamento, per un’improvvisa necessità di concentrazione in sé che vediamo sottolineata dal gesto a mezz’aria della mano. Un gesto sospeso, come di indugio su un pensiero troppo intenso per lasciarlo fluire, e che sul piano della composizione sembra escludere la presenza, nella scena comune pur se in un altro scomparto, dell’angelo annunciante. L’iconografia, infatti, vorrebbe l’angelo in posizione laterale, mentre qui lo sguardo e il gesto presuppongono una prospettiva frontale.
L’angelo, dunque, non c’è. O meglio, non si vede. Perché nell’Annunciazione-senza-angelo di Antonello, la Vergine ha l’angelo dentro di sé. E questo, credo che sia la ragione di massima modernità di quest’opera, con la figura che  nella sua solitudine stringe in sé l’altro elemento. Ecco allora spiegato il senso del movimento della mano: intercettare la parola dell’angelo. Che è parola, appunto: non apparizione, non corpo. E il velo serrato sul capo come un chador segna come una chiusura che è già grembo, che è già il Gesù che è dentro di lei, mentre l’altra mano stringe il velo quasi a sigillare questa pienezza. E incornicia il bellissimo volto facendone risaltare la trasparenza meravigliosa, simile a quella del marmo pario usato dagli scultori della Magna Grecia. Sublime trasparenza di una pelle che così rivela, e al tempo stesso celebra, il frutto divino che già contiene.
Vittorio Sgarbi Piene di grazia I volti della donna nell’arte. Bompiani pagg. 75-78

Categorie:Libri

Tag:, , , , ,

11 risposte

  1. tre meraviglie e con tre differenti sensazioni , la prima immersa nel grande compito è pervasa dalla sua grazia, la Gioconda sembra sorridere al suo promesso sposo la dama con l’ermellino si volta a chi le sta a cuore.
    Tutte e tre magnifiche nel loro splendore. Chi scegliere impensabile farlo….abbraccio notturno mia cara

    "Mi piace"

  2. uno dei miei pittori preferiti, con bronzino, correggio e piero.
    buon giorno

    "Mi piace"

  3. Ciao Anna. La mano aperta è un segno: la benedizione con timore. Penso….

    Piace a 1 persona

Rispondi a antonypoe Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.